15 piante da giardino resistenti, belle e facili da curare

Nel mondo di oggi siamo sempre alla ricerca di modi per aggiungere un po’ di colore alla nostra vita. Che si tratti di aggiungere un tocco di vernice alle pareti o di indossare il nostro capo d’abbigliamento preferito, il colore può avere un grande impatto sul nostro umore e sul nostro stato d’animo.

Lo stesso vale per le piante dei nostri giardini e cortili. Sebbene esistano molti fiori bellissimi che sbocciano solo per un breve periodo di tempo, ce ne sono alcuni che fioriscono tutto l’anno. Queste piante non sono solo belle da vedere, ma possono anche fornire una necessaria dose di colore durante i mesi più freddi.

Se siete alla ricerca di piante resistenti che vi diano colore tutto l’anno, date un’occhiata all’elenco che segue. Queste quindici piante non sono solo belle, ma anche facili da curare. Perché non aggiungerne qualcuna al vostro giardino quest’anno?

1 – Achillea

Achillea
Achillea

Il genere di piante Achillea comprende circa 85 specie, appartiene alla famiglia delle Asteraceae. Queste piante da fiore sono originarie delle regioni temperate dell’emisfero settentrionale e sono state utilizzate per secoli in campo medico. Le achillee sono caratterizzate da piccoli fiori simili a margherite e da foglie simili a felci. Alcune specie comuni sono Achillea millefolium, Achillea ptarmica e Achillea tongolensis.

Le achillee hanno una lunga storia in campo medico. Nella medicina tradizionale cinese, l’Achillea millefolium è usata per trattare diverse condizioni, tra cui raffreddore, influenza e febbre. In Europa, l’achillea è stata usata per fermare le emorragie, curare le ferite e trattare i problemi digestivi. L’achillea è ancora oggi utilizzata a livello medico; infatti, è un ingrediente di alcuni farmaci da banco per il trattamento di raffreddori e allergie.

Oltre ai suoi usi medicinali, l’achillea è anche coltivata come pianta ornamentale. È facile da curare e tollera un’ampia gamma di condizioni di coltivazione. L’achillea viene spesso piantata nei giardini o utilizzata nelle composizioni floreali.

Come prendersi cura dell’Achillea

L’achillea è una pianta resistente che può tollerare un’ampia gamma di condizioni di coltivazione. Preferisce il pieno sole, ma cresce anche in ombra parziale. L’achillea è una pianta che tollera la siccità e può sopportare anche brevi periodi di piogge intense. La pianta non non ha bisogno di essere concimata, ma una leggera somministrazione all’inizio della primavera ne favorirà la crescita.

L’achillea può essere propagata per seme o per talea. Per seminare è sufficiente spargere i semi sul terreno all’inizio della primavera e ricoprirli leggermente di terra. Per le talee, prelevare un’incisione di 10 cm dall’estremità degli steli in tarda primavera o all’inizio dell’estate e piantatela in un terreno umido. L’achillea inizia a fiorire alla fine della primavera o all’inizio dell’estate e continua a fiorire fino all’autunno. Per mantenere la pianta in ordine, potatela dopo la fioritura.

Potrebbe interessarti: A cosa serve il concime per acidofile e quale scegliere

Parassiti e malattie

L’achillea è generalmente una pianta sana e non è soggetta a molti parassiti o malattie. Tuttavia, può sono suscettibili all’oidio, quindi è importante mantenere le foglie asciutte. Innaffiate la pianta alla base e non dall’alto per evitare di bagnare le foglie. Se compare l’oidio, trattatelo con un fungicida. L’achillea è anche soggetta a marciume radicale, quindi assicuratevi che la pianta abbia un buon drenaggio.

2 – Le Azalee

Azalee
Azalee

L’azalea è una pianta originaria dell’Asia (in particolare di Cina, Giappone e Corea), dell’Europa e dell’America settentrionale. Fa parte della famiglia delle Ericacee, che comprende anche i rododendri.

Le azalee sono apprezzate per i loro bellissimi fiori, disponibili in un’ampia gamma di colori, tra cui bianco, rosa, viola e rosso. Sono relativamente facili da curare e possono essere coltivate in una varietà di climi.

In termini di classificazione scientifica, le azalee sono arbusti decidui che appartengono al genere Rhododendron. Esistono oltre 150 specie di azalee, che ne fanno uno dei più grandi gruppi di piante al mondo. Si trovano tipicamente nei boschi o sui pendii delle montagne e preferiscono temperature fresche e terreni acidi.

Le azalee sono ampiamente coltivate come piante ornamentali e sono spesso usate nelle aiuole del verde pubblico. Oltre che per la loro bellezza, le azalee sono note anche per le loro proprietà curative. Le radici e le foglie della pianta sono state utilizzate per trattare una serie di disturbi, tra cui malattie infiammatorie dell’occhio, mal di stomaco e raffreddore.

Come prendersi cura delle Azalee

Le azalee sono relativamente facili da curare, ma ci sono alcune cose da sapere per mantenerle sane e fiorite. Innanzitutto, prediligono terreni acidi con un pH compreso tra 5 e 6. Se il vostro terreno è troppo alcalino, potete aggiungere zolfo o muschio di torba per abbassare il pH . Anche le azalee amano i terreni umidi, quindi assicuratevi di annaffiarle regolarmente, soprattutto durante i caldi mesi estivi. In genere tollerano la siccità, ma non fioriscono bene se non ricevono abbastanza acqua. Le azalee devono essere concimate due o tre volte all’anno con un fertilizzante acido. È anche possibile utilizzare compost o letame per fornire sostanze nutritive. Anche la pacciamatura è utile per le azalee, perché aiuta a mantenere le radici fresche e umide. Assicuratevi di applicare uno strato di circa 5 cm di pacciamatura intorno alla base della pianta.

Parassiti e malattie

Le azalee sono generalmente resistenti a parassiti e malattie, ma possono essere soggette a marciume radicale, causato da un’eccessiva umidità. Assicuratevi di piantare le azalee in un terreno ben drenato e di annaffiarle alla base della pianta, non dall’alto. Se si notano segni di marciume radicale, come l’appassimento o il foglie ingiallite, rimuovere la pianta colpita dal terreno e ripiantarla in un terreno fresco e asciutto. Potete anche trattare la pianta con un fungicida. Le azalee sono anche soggette a cocciniglia, afidi e acari. Se notate uno di questi parassiti sulle vostre piante, potete rimuoverli manualmente o trattare le piante con un pesticida.

Potrebbe interessarti: Come affrontare i più comuni parassiti e malattie delle piante?

3 – Iris

Iris
Iris

L’iris è una pianta da fiore che si presenta in un’ampia gamma di colori, tra cui blu, viola, rosa, bianco e giallo. Fa parte della famiglia delle Iridacee ed è originaria dell’Europa, dell’Asia e del Nord America. I fiori dell’iris hanno tre petali, detti “standard”, e tre petali, detti “di base” o “autunnali”. I petali autunnali sono spesso più corti di quelli standard e hanno un colore diverso. La parola “iris” in greco significa “arcobaleno”, il che si addice all’ampia gamma di colori dei fiori. Esistono più di 300 specie di iris, che ne fanno uno dei più grandi gruppi di piante del mondo. I fiori di iris fioriscono in genere in primavera e in estate e preferiscono terreni umidi e ben drenati.

Come prendersi cura degli iris

Gli iris sono relativamente facili da curare e possono essere coltivati in una varietà di climi. Preferiscono il pieno sole o l’ombra parziale e terreni umidi e ben drenati. Gli iris dovrebbero essere concimati due o tre volte l’anno con un fertilizzante ben bilanciato. Si può anche usare del compost o del letame per fornire nutrimento. Gli iris sono tipicamente tolleranti alla siccità, ma fioriscono meglio se ricevono acqua adeguata. Troppa acqua, tuttavia, può portare al marciume delle radici, quindi assicuratevi di piantare gli iris in un terreno ben drenato.

Parassiti e malattie

Gli iris sono generalmente resistenti a parassiti e malattie, ma possono essere soggetti a marciume radicale, causato da un’eccessiva umidità. Assicuratevi di piantare gli iris in un terreno ben drenato e di annaffiarli alla base della pianta, non dall’alto. Se notate segni di marciume radicale, come foglie appassite o ingiallite, rimuovete la pianta dal terreno e ripiantarla in un terreno fresco e asciutto. Potete anche trattare la pianta con un fungicida. L’iris è anche sensibile a cocciniglie, afidi e acari. Se vedete uno di questi parassiti sulle vostre piante, potete rimuoverli manualmente o trattare le piante con un pesticida.

4 – Le rose

Rose
Rose

La rosa è una pianta da fiore della famiglia delle Rosaceae, ovvero il fiore che porta. Esistono oltre 3000 specie e decine di migliaia di cultivar. Formano un gruppo di piante che possono essere arbusti eretti, o rampicanti, con steli spesso armati di pungiglioni.

I fiori variano per dimensione e forma e sono solitamente grandi e vistosi, in colori che vanno dal bianco al giallo e al rosso. La maggior parte delle specie è originaria dell’Asia, mentre un numero minore è originario dell’Europa, del Nord America e dell’Africa nordoccidentale. Specie, cultivar e ibridi sono tutti ampiamente coltivati per la loro bellezza e il loro profumo.

Le dimensioni delle piante di rose variano da quelle compatte, in miniatura, ai rampicanti che possono raggiungere i sette metri di altezza. Le diverse specie si ibridano facilmente e questo è stato utilizzato per lo sviluppo della vasta gamma di rose da giardino.

Le rose hanno una lunga e ricca storia e il loro significato culturale è evidente in molte culture del mondo. Per esempio, nell’antica Roma le rose erano associate a Venere, la dea dell’amore. Nell’Europa medievale erano spesso usate come simbolo di potere e di status. In Cina sono considerate un simbolo di fortuna e prosperità.

Oggi le rose sono ancora venerate per la loro bellezza e il loro simbolismo. Vengono spesso regalate in occasioni speciali e la loro presenza è spesso vista come un segno di rispetto o ammirazione. Che siano regalate o semplicemente apprezzate per la loro bellezza, le rose continueranno a essere apprezzate per le generazioni a venire.

Come prendersi cura delle rose

Le rose hanno bisogno di pieno sole per produrre la massima fioritura, quindi scegliete una zona del vostro giardino che riceva almeno sei ore di luce al giorno. Hanno anche bisogno di un terreno ben drenato, quindi se il vostro giardino ha un terreno pesante e argilloso, prendete in considerazione l’idea di piantare le rose in aiuole rialzate o su cumuli.

Le rose amano essere nutrite, quindi concimatele ogni sei settimane con un fertilizzante per rose o con il compost. È anche possibile aggiungere al terreno della materia organica, come letame o compost, per migliorare il drenaggio.

Le rose devono anche essere potate regolarmente per mantenerle in salute e promuovere la nuova crescita. Il momento migliore per potare le rose è la fine dell’inverno o l’inizio della primavera, prima che inizi la nuova crescita. Decapitate regolarmente i fiori spenti per favorire nuove fioriture.

Parassiti e malattie

Le rose sono soggette a una serie di parassiti e malattie, tra cui gli afidi, la macchia nera, l’oidio e i moscerini della rosa. Questi possono essere controllati con pesticidi o con la rimozione manuale. Per prevenire parassiti e malattie, scegliete piante sane, annaffiate alla base della pianta e rimuovete le foglie o i fiori colpiti.

5 – L’Ibiscus

Ibiscus
Ibiscus

La pianta dell’ibisco fa parte della famiglia delle malvacee, che comprende centinaia di specie (circa 400) di piante erbacee, arbusti e alberi. Gli ibiscus sono originari delle regioni tropicali e subtropicali di tutto il mondo e si trovano soprattutto in habitat umidi. Il nome della pianta deriva dalla parola greca che indica la “malva delle paludi”, che è un tipo di ibisco.

La pianta dell’ibisco è nota per i suoi grandi e vistosi fiori, che possono essere rossi, rosa, arancioni, gialli o bianchi. I fiori sono molto utilizzati per realizzare leis e altre decorazioni floreali.

Oltre al loro fascino estetico, i fiori di ibisco sono utilizzati anche nella medicina tradizionale. Per esempio, il tè di ibisco viene preparato con i fiori essiccati e si ritiene che abbia numerosi benefici per la salute. Alcuni di questi benefici includono l’abbassamento della pressione sanguigna, il miglioramento della digestione e il rafforzamento delle difese immunitarie. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per confermare queste affermazioni, non c’è dubbio che le piante di ibisco siano bellissime e versatili.

Come prendersi cura dell’ibiscus

Per mantenere i vostri ibiscus in salute e con un aspetto ottimale, ci sono alcune cose da fare. Innanzitutto, assicuratevi di piantarli in un terreno ben drenato e ricco di materia organica. Gli ibiscus amano avere le radici ben salde, quindi piantateli vicini. Innaffiateli regolarmente, ma non esagerate perchè sono soggetti a marciume radicale.

Durante la stagione di crescita, concimateli ogni due/tre settimane con un fertilizzante bilanciato. Quando iniziano a fiorire, riducete il concime a una volta ogni 40 giorni. Per incoraggiare una maggiore fioritura, decapitate i fiori spenti. Infine, proteggeteli dai venti forti e dal clima rigido: gli ibiscus sono piante tropicali e possono essere danneggiati da temperature rigide e venti forti. Con un po’ di cura, i vostri ibiscus fioriranno e vi regaleranno splendide fioriture per tutta la stagione.

Parassiti e malattie

Gli ibiscus sono soggetti a diversi parassiti e malattie. Una delle più comuni è l’oidio, che si manifesta come una polvere bianca sulle foglie e sugli steli della pianta. Questo può causare l’ingiallimento e la caduta delle foglie e, nei casi più gravi, può uccidere la pianta.

Gli ibiscus sono anche soggetti ad afidi, cocciniglie e cocciniglie, che possono indebolire la pianta e causare deformazioni. Inoltre, l’ibisco può essere colpito da una serie di malattie, tra cui il marciume della chioma, il marciume radicale e la macchia fogliare. Queste malattie possono causare la caduta delle foglie, che diventano marroni o nere, e possono uccidere la pianta. Per prevenire questi problemi, è importante scegliere varietà di ibisco resistenti alle malattie e mantenere le piante ben irrigate e libere da detriti.

6 – Le Petunie

Petunie
Petunie

Le petunie sono un genere di piante da fiore della famiglia delle Solanaceae, originarie del Sud America. La petunia è stata descritta per la prima volta da Carl Linnaeus nel 1753. Il nome “petunia” deriva dalla parola francese “pétun”, che significa “tabacco”.

Le petunie sono piante annuali o perenni di breve durata che crescono fino a 0,5-1 m di altezza, con foglie alterne e semplici. I fiori sono a forma di tromba, con una bocca a cinque lobi di diametro compreso tra 2 e 8 cm, e sono disponibili in una varietà di colori tra cui bianco, rosa, viola, blu e giallo.

La Petunia è originaria del Sud America, ma oggi si trova in tutto il mondo in giardini e parchi. È una scelta popolare per le aiuole e le fioriere grazie ai suoi fiori vistosi e alla facilità di cura. Fioriscono in genere dalla tarda primavera all’inizio dell’autunno e preferiscono il pieno sole all’ombra parziale. Con le dovute cure, le petunie continueranno a fiorire a lungo.

Come prendersi cura delle Petunie

Le petunie sono uno dei fiori annuali più popolari ed è facile capire perché. Con i loro colori vivaci e le fioriture allegre, le petunie aggiungono un tocco di allegria a qualsiasi giardino. Tuttavia, pur essendo bellissime, le petunie possono essere fiori difficili da coltivare e hanno bisogno di pieno sole per crescere, quindi assicuratevi che siano piantate in un luogo soleggiato. Inoltre, preferiscono un terreno ben drenato, quindi evitate di piantarle in zone che rimangono umide o inzuppate.

Una volta che si sono affermate, le petunie sono relativamente tolleranti alla siccità. Tuttavia, durante i periodi di siccità prolungata, potrebbero aver bisogno di essere annaffiate più frequentemente.

Le petunie sono piante molto esigenti e beneficiano di una concimazione regolare. Applicate un fertilizzante bilanciato ogni due settimane durante la stagione di crescita.

Per mantenere l’aspetto migliore delle petunie, decapitate regolarmente le fioriture esaurite. Questo incoraggerà le piante a produrre più fiori.

Parassiti e malattie

Questi bellissimi fiori sono soggetti a diversi parassiti e malattie, tra cui afidi, mosche bianche e oidio. Gli afidi sono piccoli insetti succhiatori di linfa che possono causare crescita stentata e foglie distorte. Le mosche bianche sono piccoli insetti bianchi che si nutrono della linfa delle piante, facendole appassire e ingiallire.

L’oidio è una malattia fungina che causa la formazione di una polvere bianca o grigia sulle foglie delle piante. Anche se questi parassiti e malattie possono essere difficili da controllare, ci sono alcune cose che potete fare per evitare che si impossessino delle vostre petunie.

In primo luogo, assicuratevi di innaffiare le piante alla base del fusto, piuttosto che dall’alto. In questo modo eviterete che le foglie si bagnino e favoriscano la crescita dei funghi.

In secondo luogo, evitate di sovraffollare le piante. In questo modo le piante avranno spazio sufficiente per respirare e si ridurranno le possibilità di infestazione da parte di parassiti come afidi e mosche bianche. Infine, se notate segni di parassiti o malattie, intervenite immediatamente.

Prima trattate il problema, più possibilità avrete di salvare le petunie.

7 – I Bouganville

Bouganville
Bouganville

La bougainvillea è una bellissima pianta da fiore originaria del Sud America. Deve il suo nome all’esploratore francese Louis Antoine de Bougainville, che fu il primo europeo a vederla durante un viaggio nella seconda metà del XVII secolo.

La bougainvillea è un rampicante legnoso e sempreverde che può raggiungere i dieci metri di altezza. Ha foglie verdi lucide e produce vivaci grappoli di fiori rosa, viola, rossi o bianchi.

La bougainvillea è una scelta popolare per l’architettura del paesaggio perché è facile da curare e può prosperare in diversi climi. Inoltre, tollera la siccità ed è resistente alla maggior parte dei parassiti e delle malattie.

Oltre a essere utilizzate come piante ornamentali, le bouganville sono anche utilizzate nelle medicine tradizionali. Si ritiene che le foglie e i fiori della pianta abbiano proprietà curative e vengono spesso trasformati in tè o unguenti.

Come prendersi cura dei Bouganville

Per quanto riguarda la cura delle Bougainvillea, la luce solare è fondamentale. Queste piante hanno bisogno di almeno 6 ore di luce solare diretta al giorno per fiorire bene. Se non ricevono abbastanza luce, si afflosciano e producono meno fiori. Quindi, se volete che la vostra Bougainvillea fiorisca abbondantemente, assicuratevi di piantarla in un luogo soleggiato.

Per quanto riguarda l’annaffiatura, le Bougainvillea tollerano la siccità una volta che si sono insediate. Tuttavia, nei primi mesi dopo la messa a dimora, hanno bisogno di annaffiature regolari per favorire il radicamento. In seguito, lasciate asciugare gli ultimi centimetri di terreno prima di annaffiare di nuovo.

Quando annaffiate, bagnate bene le piante in modo che l’acqua scorra attraverso i fori di drenaggio sul fondo del vaso.

Per quanto riguarda il fertilizzante, le Bougainville beneficiano di un’alimentazione regolare durante la stagione di crescita (dalla primavera all’autunno). Utilizzate un fertilizzante bilanciato e applicatelo ogni 2-3 settimane e assicuratevi di seguire le indicazioni riportate sulla confezione, perché un eccesso di fertilizzante può bruciare le radici della pianta.

Infine, ma non meno importante, le bouganville devono essere potate regolarmente per mantenerle in forma e favorire la fioritura. Il momento migliore per la potatura è dopo la fioritura della pianta. È sufficiente tagliare gli steli alla lunghezza desiderata, facendo attenzione a non danneggiare la struttura legnosa della pianta.

Parassiti e malattie

Pur essendo una pianta bella e resistente, anche la bougainvillea non è immune da parassiti e malattie. Alcuni dei problemi più comuni sono le malattie fungine come l’oidio, gli afidi e le cocciniglie. Fortunatamente, questi problemi possono essere facilmente controllati con ispezioni e trattamenti regolari.

L’oidio può essere trattato con un fungicida, mentre gli afidi possono essere controllati con un insetticida. Le cocciniglie possono essere difficili da controllare, ma una potatura regolare e l’uso di trappole adesive possono aiutare a ridurre la loro popolazione.

8 – Alisso

Alisso
Alisso

L’alisso (Alyssum alyssoides) è una pianta appartenente alla famiglia delle senapi (Brassicaceae), originaria dell’Europa e dell’Africa del nord.

L’alisso è una piccola erba annuale che raggiunge un’altezza di circa 20 cm. La pianta ha piccoli fiori gialli e foglie lineari. Il frutto è una silique che contiene quattro semi.

L’alisso è spesso coltivato come pianta ornamentale, ma può essere utilizzato anche per scopi culinari. Le foglie giovani e i boccioli dei fiori possono essere aggiunti alle insalate, mentre i fiori possono essere utilizzati per decorare torte e altri dolci.

Inoltre, l’alisso può essere utilizzato come coltura di copertura o sovescio. È anche noto per attirare insetti benefici, come coccinelle e lucciole, che aiutano a controllare i parassiti in giardino.

Come prendersi cura dell’alisso

L’alisso è una pianta a bassa manutenzione che non richiede molte cure. Cresce meglio in pieno sole o in ombra parziale e preferisce un terreno ben drenato. Tollera la siccità e può sopportare anche brevi periodi di pioggie intense.

La pianta non ha bisogno di essere concimata, ma una leggera somministrazione all’inizio della primavera ne favorirà la crescita. Può essere propagato per seme o per talea.

Per seminare, è sufficiente spargere i semi sul terreno all’inizio della primavera e ricoprirli leggermente di terra.

Per per le talee, prelevate una talea di 4 pollici dalla punta degli steli in tarda primavera o all’inizio dell’estate e piantatela in un terreno umido.

L’alisso inizierà a fiorire alla fine della primavera o all’inizio dell’estate e continuerà a fiorire fino all’autunno. La decapitazione dei fiori incoraggerà la pianta a produrre più fiori.

La potatura non è non è necessaria, ma per tenerlo in ordine l’alisso può essere potato dopo la fioritura. Questo incoraggerà la pianta a produrre più fiori. L’alisso è suscettibile all’oidio, quindi è importante mantenere le foglie asciutte. Innaffiate la pianta alla base e non dall’alto per evitare di bagnare le foglie.

Se l’oidio compare, trattatela con un fungicida. L’alisso è anche suscettibile al marciume radicale, quindi assicuratevi che la pianta abbia un buon drenaggio.

Parassiti e malattie

L’alisso è una pianta a bassa manutenzione che non richiede molte cure, ma può essere soggetto a una serie di parassiti e malattie. La pianta è suscettibile a una serie di parassiti e malattie, ma un monitoraggio e un trattamento regolari possono aiutare a tenerli sotto controllo. Afidi, mosche bianche e cocciniglie possono nutrirsi delle foglie della pianta, facendole ingiallire e deformare.

L’oidio è una malattia fungina che può far diventare le foglie della pianta bianche o grigie. La peronospora è un’altra malattia fungina che può causare lo sviluppo di macchie marroni sulle foglie. Entrambe queste malattie, se non trattate, possono portare alla morte della pianta. Pertanto, è importante prestare attenzione ai segni di parassiti e malattie e adottare misure per controllarli il prima possibile.

9. Viburum tinus

Viburum tinus
Viburum tinus

Il Viburum tinus è una pianta da fiore della famiglia delle Caprifoliaceae. È originaria dell’Europa, del Nord Africa e dell’Asia occidentale. La pianta raggiunge un’altezza di 1-2 metri e ha foglie opposte e lanceolate.

I fiori sono bianchi o rosa e hanno cinque petali. Il Viburum tinus è impollinato da api e altri insetti. La pianta fiorisce da maggio a luglio. I frutti sono bacche nere che contengono semi che vengono dispersi dagli uccelli.

Il viburum tinus è utilizzato come pianta ornamentale nei giardini. È anche usato come rimedio erboristico per il raffreddore e l’influenza. Le piante contengono oli volatili, flavonoidi, tannini e mucillagini. La mucillagine agisce come calmante della tosse e gli oli volatili hanno proprietà antimicrobiche.

Il Viburum tinus è una pianta resistente che può crescere nella maggior parte dei terreni e dei climi. Preferisce il pieno sole, ma può tollerare anche l’ombra parziale. La pianta si propaga per seme o per talea. Il Viburum tinus è una pianta attraente che offre interesse in giardino per tutto l’anno.

Come prendersi cura del Viburum tinus

Il Viburum tinus è una pianta a bassa manutenzione che non richiede molte cure. La pianta tollera la maggior parte dei terreni e dei climi. Preferisce il pieno sole, ma può tollerare anche l’ombra parziale. La pianta non ha bisogno di essere concimata, ma una leggera somministrazione all’inizio della primavera ne favorirà la crescita.

Il Viburum tinus è propagazione per seme o per talea. Per la propagazione per seme, seminare i semi in una serra fredda in autunno. Per la propagazione per talea, prelevare talee di 10 cm dalla punta degli steli in tarda primavera o all’inizio dell’estate e piantarle in un terreno umido.

10. Lavandula angustifolia

Lavanda
Lavanda

Lavandula angustifolia, comunemente chiamata lavanda e nota anche come lavanda inglese, è una pianta da fiore della famiglia delle Lamiaceae, originaria dei paesi del mediterraneo.

La pianta raggiunge un’altezza di 60-90 centimetri e ha foglie lineari. I fiori sono blu o viola. La Lavandula angustifolia è impollinata da api e altri insetti. La pianta fiorisce da giugno ad agosto. I frutti sono piccoli semi secchi e marroni che vengono dispersi dal vento. La Lavandula angustifolia è utilizzata come pianta ornamentale nei giardini e come rimedio erboristico.

La pianta contiene oli volatili, flavonoidi, tannini e mucillagini. Gli oli volatili hanno proprietà antimicrobiche e sono utilizzati in aromaterapia. La pianta è anche usata come rimedio erboristico per l’ansia e l’insonnia.

La Lavandula angustifolia è una pianta resistente che può crescere nella maggior parte dei terreni e dei climi. Preferisce il pieno sole, ma può tollerare anche l’ombra parziale.

Come prendersi cura della Lavandula angustifolia

La Lavandula angustifolia è una pianta resistente che può crescere nella maggior parte dei terreni e dei climi. Preferisce il pieno sole, ma può tollerare anche l’ombra parziale.

La pianta si propaga per seme, talea o divisione. Per la propagazione per seme, seminare i semi in una serra in primavera. Per la propagazione per talea, prelevare le talee di fusto dalla nuova crescita in estate. Per la propagazione per divisione, dividere la pianta in primavera o in autunno.

Parassiti e malattie

La Lavandula angustifolia è una pianta rustica e resistente alla maggior parte dei parassiti e delle malattie. Tuttavia, la pianta può essere soggetta a malattie fungine come l’oidio e il marciume radicale. Queste malattie possono essere controllate mantenendo una buona circolazione dell’aria intorno alla pianta ed evitando di annaffiare eccessivamente.

11. Sedum spectabile

Sedum spectabile
Sedum spectabile

Il Sedum spectabile, comunemente chiamato erba teresina o crassula del Giappone, è una pianta succulenta della famiglia delle Crassulaceae. È originaria dell’Europa e dell’Asia.

La pianta raggiunge un’altezza di 20-50 centimetri e presenta foglie carnose e verdi. I fiori sono rosa, rossi o bianchi che vengono impollinati da api, mosche e altri insetti. La pianta fiorisce da luglio a settembre. I frutti sono piccoli semi neri e secchi che vengono dispersi dal vento.

Il Sedum spectabile è utilizzato come pianta ornamentale nei giardini e come rimedio erboristico. La pianta contiene composti: saponine, tannini, antrachinoni, flavonoidi e oli volatili. Questi composti conferiscono alla pianta le sue proprietà medicinali.

Il Sedum spectabile è usato come rimedio erboristico per la diarrea, la dissenteria e altri disturbi gastrointestinali. La pianta è anche usata come diuretico, espettorante e antimicrobico. È una pianta resistente che può crescere nella maggior parte dei terreni e dei climi. Predilige il pieno sole, ma può tollerare anche l’ombra parziale .

Come prendersi cura del Sedum spectabile

Il Sedum spectabile è facile da curare e tollera un’ampia gamma di condizioni di coltivazione. Per ottenere risultati ottimali, piantate il Sedum spectabile in un terreno ben drenato, in pieno sole o all’ombra parziale. Una volta stabilitosi, tollera la siccità e non necessita di molta acqua supplementare. Anzi, un eccesso d’acqua può portare al marciume delle radici.

Concimare il Sedum spectabile in primavera con un fertilizzante bilanciato per piante grasse. Propagare per divisione in primavera o in autunno. Il Sedum spectabile non è soggetto a molti parassiti o malattie, ma le cocciniglie possono essere un problema. Se notate dei parassiti, trattateli con un sapone insetticida o con olio di neem.

12. Aloe vera

Aloe Vera
Aloe vera

L’aloe vera è una pianta succulenta della famiglia delle Asphodelaceae. È originaria dell’Africa, dell’Arabia e dell’India. La pianta raggiunge un’altezza di 60-100 centimetri e presenta foglie carnose e verdi con macchie bianche.

I fiori sono gialli, arancioni o rossi e hanno sei petali. L’aloe vera è impollinata dalle api e da altri insetti. La pianta fiorisce da giugno ad agosto.

La pianta viene usata non solo per il trattamento topico: contiene anche una grande quantità di vitamine e minerali che possono apportare benefici all’intero organismo. Per esempio, l’aloe vera è una buona fonte di vitamina A, che aiuta a rafforzare il sistema immunitario e a mantenere la pelle sana. La vitamina C è un’altra importante sostanza nutritiva presente nell’aloe vera e svolge un ruolo nella produzione di collagene e nella guarigione delle ferite. Inoltre, l’aloe vera contiene vitamina E, un antiossidante che aiuta a proteggere le cellule dai danni. Infine, l’aloe vera contiene anche vitamine del gruppo B (B1, B2, B3) e vitamina B12, rara in natura ed essenziale per una corretta funzione emolitica. Come potete vedere, l’aloe vera non fa bene solo alla pelle, ma a tutto il corpo!

Come prendersi cura dell’Aloe vera

L’Aloe vera è facile da curare e tollera un’ampia gamma di condizioni di coltivazione. Per ottenere risultati ottimali, piantate l’Aloe vera in un terreno ben drenato, in pieno sole o all’ombra parziale . Una volta stabilita, tollera la siccità e non necessita di molta acqua supplementare. Anzi, un eccesso d’acqua può portare al marciume delle radici. Concimare l’Aloe vera in primavera con un fertilizzante bilanciato per succulente. Propagare per divisione in primavera o in autunno. L’Aloe vera non è soggetta a molti parassiti o malattie, ma le cocciniglie possono essere un problema. Se notate dei parassiti, trattateli con un sapone insetticida o con olio di neem.

13 – Timo

Timo

Il timo è una pianta perenne, piccola e legnosa, originaria della regione mediterranea. La pianta è stata usata per secoli in cucina e in erboristeria e ha una lunga storia di coltivazione. Oggi il timo è ampiamente disponibile nei supermercati e viene utilizzato in una varietà di piatti.

La pianta del timo ha molti usi culinari e medicinali. Le foglie possono essere utilizzate fresche o essiccate e possono essere aggiunte a zuppe, stufati, salse e insalate. Il timo ha anche proprietà antibatteriche e antimicotiche che lo rendono un trattamento efficace per diverse patologie. Inoltre, l’olio essenziale di timo può essere utilizzato in aromaterapia. Il timo è un’erba versatile e saporita che può essere utilizzata in molti modi diversi.

Come prendersi cura dell’Aloe vera

Il timo è un’erba versatile e facile da coltivare che ha una lunga storia di uso culinario e medicinale. Sebbene sia ormai ampiamente disponibile nei supermercati, non c’è niente di meglio del sapore del timo appena raccolto. Se avete la fortuna di avere una pianta di timo, ecco alcuni consigli su come prendersene cura.

Il timo preferisce il pieno sole e un terreno ben drenato, quindi assicuratevi di piantarlo in un luogo che riceva molto sole. Innaffiate regolarmente, ma fate attenzione a non esagerare, perché il timo non ama i piedi bagnati. Una volta che la pianta inizia a fiorire, tagliate gli steli per favorire una crescita più folta. Infine, raccogliete spesso! Una potatura regolare manterrà la vostra pianta di timo sana e vigorosa.

14 – Carex

Carex
Carex

La pianta di Carex è una specie versatile che può essere trovata in una varietà di habitat in tutto il mondo. Negli ultimi anni, gli scienziati hanno iniziato a scoprire il potenziale di questa pianta e nuove ricerche hanno fatto luce sui suoi numerosi benefici.

Una delle caratteristiche più importanti del Carex è la sua capacità di aiutare a prevenire l’erosione del suolo. Il lungo sistema di radici della pianta aiuta ad ancorare il terreno e la sua fitta rete di lamine aiuta a deviare il vento e l’acqua. Inoltre, la pianta Carex aiuta a rallentare il flusso dell’acqua piovana, dando al terreno la possibilità di assorbire l’acqua prima che scorra via. Di conseguenza, questa pianta può svolgere un ruolo essenziale nella prevenzione dell’erosione del suolo.

Oltre alle sue proprietà di conservazione del suolo, la pianta di Carex viene utilizzata anche come fonte naturale di fibre. Le robuste fibre della pianta possono essere utilizzate per creare una varietà di prodotti, tra cui corde, carta e persino tessuti. Inoltre, la pianta di Carex è stata studiata come possibile fonte di biocarburante. La pianta di Carex potrebbe un giorno fornire soluzioni ad alcuni dei problemi del mondo.

15 – Trachelospermum jasmonoides

Trachelospermum jasmonoides
Trachelospermum jasmonoides

La pianta Trachelospermum jasmonoides è una comune pianta ornamentale originaria dell’Asia orientale. È stata introdotta in molte altre parti del mondo e oggi è comunemente coltivata in giardini e parchi.

La pianta è nota soprattutto per i suoi fiori profumati, di colore bianco o rosa. I fiori sono prodotti in grappoli e ogni fiore ha cinque petali. La pianta è nota anche per le sue foglie verdi lucide, disposte a coppie opposte. Le foglie sono di forma ellittica e hanno bordi seghettati. La pianta raggiunge in genere un’altezza di 3-4 metri.

Il Trachelospermum jasmonoides è una pianta sempreverde, il che significa che produce nuove foglie e fiori durante tutto l’anno. La pianta è generalmente facile da curare e non richiede molto fertilizzante o acqua. Tuttavia, ha bisogno di piena luce solare per fiorire correttamente.

Il Trachelospermum jasmonoides è una scelta popolare per i giardini e i parchi grazie al suo aspetto attraente e alla scarsa necessità di manutenzione.

Domande frequenti

Che cos’è un fertilizzante bilanciato?

Un fertilizzante bilanciato è un tipo di fertilizzante che contiene una miscela uguale di azoto, fosforo e potassio. Questa combinazione di nutrienti è essenziale per la crescita sana delle piante. L’azoto aiuta a promuovere la crescita delle foglie, il fosforo favorisce lo sviluppo delle radici e il potassio aiuta la produzione di fiori e frutti. Un fertilizzante bilanciato può essere applicato a qualsiasi tipo di pianta e può essere utilizzato in qualsiasi fase della stagione di crescita. Tuttavia, è particolarmente utile per le piante giovani che hanno appena iniziato ad affermarsi. Fornendo un apporto completo di sostanze nutritive essenziali, un fertilizzante bilanciato offre alle nuove piante la migliore possibilità di crescere.

Cosa sono le piante sempreverdi da giardino?

Con il cambiare delle stagioni, cambia anche il colore delle foglie degli alberi. Ma cosa fare se si desidera un giardino verde tutto l’anno? Le piante sempreverdi sono un ottimo modo per aggiungere colore tutto l’anno al vostro paesaggio. Non solo sono belle da vedere, ma possono anche contribuire a ridurre l’inquinamento acustico e fornire un riparo agli animali selvatici.

In un recente articolo pubblicato sulla rivista Science, i ricercatori hanno riferito che le piante sempreverdi da giardino possono fornire una serie di benefici sia per la salute umana che per l’ambiente. Lo studio ha rilevato che le piante sempreverdi possono contribuire a migliorare la qualità dell’aria filtrando gli inquinanti presenti nell’aria e possono anche contribuire a ridurre l’inquinamento acustico. Inoltre, le piante sempreverdi possono costituire un habitat per la fauna selvatica e possono contribuire a conservare l’acqua evitando l’evaporazione.

Gli autori dello studio suggeriscono che le piante sempreverdi da giardino possono essere uno strumento prezioso nella lotta contro il cambiamento climatico.

In che periodo fioriscono le rose?

Le rose sono una pianta da fiore molto popolare, nota per la sua bellezza e il suo profumo. Anche se il periodo di fioritura delle rose può variare a seconda della varietà, la maggior parte delle rose fiorisce in primavera o all’inizio dell’estate. A seconda del clima, la fioritura può avvenire da marzo a giugno. Le rose richiedono in genere dalle sei alle otto settimane di clima caldo per fiorire, quindi il momento esatto può variare a seconda delle condizioni climatiche di ogni anno. Per i giardinieri che vivono in climi più freddi, è spesso necessario avviare le rose in casa per garantire la fioritura nei tempi previsti. Conoscendo il ciclo di fioritura delle rose, i giardinieri possono assicurarsi che i loro giardini siano pieni di splendidi fiori per tutta la stagione.

Quante volte all’anno fiorisce la bouganville?

La bougainvillea è una splendida pianta tropicale nota per i suoi fiori vivaci. Anche se il calendario esatto della fioritura può variare a seconda della varietà, la maggior parte delle piante di bougainvillea fiorisce più volte durante l’anno. In generale, le piante coltivate in climi più caldi fioriscono più spesso di quelle che si trovano in zone più fredde. Con le dovute cure, alcune varietà di bouganville possono fiorire anche tutto l’anno. Se siete alla ricerca di un tocco di colore nel vostro giardino o di un bel bouquet per la vostra casa, la bougainvillea è un’opzione meravigliosa.

Quanto dura la fioritura delle azalee?

Le azalee sono uno dei primi segni della primavera, con le loro splendide fioriture che aggiungono un tocco di colore al paesaggio. Ma quanto dura questo spettacolo floreale? Le azalee iniziano a fiorire all’inizio della primavera e i fiori rimangono sulla pianta per almeno 2 settimane. Per prolungare il periodo, è meglio posizionarla in un luogo fresco, ventilato e luminoso, ma al riparo dalla luce diretta del sole. Dopo qualche settimana, i fiori inizieranno a sbiadire e alla fine cadranno dalla pianta. Tuttavia, se vi prendete cura della vostra azalea, essa continuerà a fiorire anno dopo anno, portando un tocco di bellezza alla vostra casa ogni primavera.

Come essiccare fiori achillea?

Se volete essiccare i fiori di achillea, il modo migliore per farlo è isolare le cime e usare un essiccatore elettrico. In questo modo si ottimizza lo spazio e si garantisce la completa essiccazione dei fiori. I fiori di achillea sono tenaci e poco acquosi, quindi non ci metteranno molto a seccare. In un essiccatore, dovrebbero essere essiccati per circa 10 ore a 40 gradi. Una volta essiccati, possono essere conservati in barattoli di vetro o in sacchetti di carta.

Quando raccogliere il timo per farlo essiccare?

Le piante aromatiche come l’origano, il timo, la lavanda e la maggiorana devono essere raccolte quando sono in piena fioritura per ottenere i migliori risultati. Il momento migliore per raccogliere queste piante è la mattina, dopo che l’umidità della notte si è asciugata ma prima che il sole diventi troppo caldo. Questo aiuterà a preservare gli oli essenziali delle piante, che sono quelli che conferiscono loro il sapore e l’aroma. Al momento della raccolta, tagliare gli steli appena sopra un nodo fogliare per favorire la nuova crescita. Quindi, legare gli steli insieme e appenderli a testa in giù in un luogo fresco e asciutto, al riparo dalla luce diretta del sole. Dopo qualche settimana, il timo dovrebbe essere completamente asciutto e pronto all’uso.

Quali sono i benefici dell’aloe vera?

L’aloe vera è una pianta succulenta molto apprezzata per le sue proprietà medicinali. Il gel della pianta di aloe vera può essere usato per trattare ustioni e infezioni della pelle. L’aloe vera ha anche proprietà antinfiammatorie, antisettiche e antibatteriche. Inoltre, è stato dimostrato che l’aloe vera è efficace nel trattamento di psoriasi, eczema e acne. Inoltre, è stato dimostrato che l’aloe vera rafforza il sistema immunitario, migliora la digestione e riduce le infiammazioni. In generale, l’aloe vera è una pianta versatile con un’ampia gamma di benefici.

Come Combattere l’oidio con metodi naturali?

L’oidio è un tipo di fungo che può colpire un’ampia gamma di piante, dagli ortaggi ai fiori. Il fungo si presenta come una polvere bianca sulle foglie e sui fusti delle piante e può portare alla caduta delle foglie e alla morte della pianta. Sebbene esistano trattamenti chimici per l’oidio, molti giardinieri preferiscono utilizzare metodi naturali. Un trattamento naturale efficace è l’aceto di sidro di mele. Per utilizzare questo metodo, è sufficiente mescolare un cucchiaino di aceto di sidro di mele con un litro d’acqua e spruzzare la soluzione sulle foglie colpite. È importante spruzzare le foglie nel pomeriggio, quando il sole è alto ma la temperatura non è troppo alta. Questo trattamento aiuterà a uccidere il fungo e a prevenirne la diffusione.

Come usare l’olio di Neem come antiparassitario?

L’olio di neem deriva dall’albero di neem ed è stato usato per secoli come pesticida. Il principio attivo dell’olio di neem è l’azadiractina, che è tossica per molti parassiti, tra cui afidi, mosche bianche e acari. Tuttavia, l’azadiractina è relativamente sicura per i mammiferi e gli uccelli, il che la rende una scelta ideale per l’uso in prossimità di bambini e animali domestici. Per usare l’olio di neem come pesticida, mescolate 5-6 gocce di olio puro per un litro di acqua. Una volta miscelata, la miscela può essere spruzzata abbondantemente sulle piante da interno e da esterno. Per ottenere risultati migliori, applicate la miscela la sera o la mattina presto, quando i parassiti sono meno attivi. Riapplicare ogni quattro-sette giorni, se necessario.

Qual è la lavanda più bella?

Tra tutti i tipi di lavanda, quella selvatica (anche come Lavandula stoechas) è considerata la più bella. I suoi fiori sono di colore viola chiaro e presentano brattee all’estremità che li rendono ancora più appariscenti. La lavanda selvatica cresce meglio in condizioni di clima caldo e pieno sole. È anche incredibilmente profumata, il che la rende un’ottima scelta per l’uso nei profumi o come bustina essiccata.

Quando si tratta di riscaldare casa sono molti i dispositivi in commercio che possono ...

Leggi l'articolo

Il giardinaggio è un hobby gratificante, ma richiede molta cura e attenzione. Uno degli ...

Leggi l'articolo