Tipologie di terriccio per giardino: quale scegliere

Il giardinaggio è un hobby gratificante, ma richiede molta cura e attenzione. Uno degli elementi più importanti del giardinaggio è il terriccio. Il terriccio è un tipo di terreno progettato specificamente per l’uso in vasi e contenitori. Di solito è costituito da una combinazione di muschio di torba, perlite e vermiculite. Questa miscela di ingredienti fornisce l’ambiente perfetto per la crescita delle piante.

La porosità del terriccio aiuta ad aerare le radici e a prevenire i ristagni d’acqua. Inoltre, la materia organica presente nel terriccio aiuta a trattenere l’umidità e a fornire sostanze nutritive alle piante. Senza il terriccio sarebbe molto difficile coltivare piante sane in vasi e contenitori.

In questa guida esamineremo le caratteristiche dei principali tipi di terriccio disponibili sul mercato, con suggerimenti per il loro uso ottimale e indicazioni per le varie specie di piante.

Come scegliere il giusto terriccio per giardino

Come abbiamo appena detto, il terriccio è un elemento fondamentale nel giardinaggio e la sua scelta accurata può essere il fattore chiave per avere un giardino rigoglioso, vitale e sano.

In commercio esistono molti tipi di terriccio, da quelli universali a quelli specifici per determinate piante; tuttavia, molte persone preferiscono preparare da sé il terriccio da utilizzare nel proprio spazio verde.

La prima cosa da sapere è quale composizione deve avere il nostro terriccio. Il terriccio deve essere in grado di trattenere l’acqua, ma anche di far defluire quella in eccesso, in modo da non far marcire le radici delle nostre piante. Per questo motivo, è consigliabile una miscela composta per il 50% da terra e per il 50% da perlite o vermiculite. Con questa miscela avremo un substrato ben drenato che impedirà il ristagno dell’acqua. A questa base possiamo aggiungere altra materia organica, come compost o letame, per aumentare la capacità di trattenere l’umidità.

Un altro aspetto fondamentale è l’aerazione, poiché un buon drenaggio significa anche una buona aerazione delle radici. Per questo motivo, è consigliabile aggiungere del materiale organico come la torba.

Il muschio di torba è un materiale naturale con un’elevata capacità di trattenere l’acqua e le sostanze nutritive, nonché garantisce un’eccellente aerazione.

Una volta scelti gli ingredienti di base, possiamo aggiungere altre modifiche specifiche per il tipo di piante che intendiamo coltivare. Ad esempio, per le piante che amano gli acidi come l’azalea o camelia, possiamo aggiungere del muschio di torba di sfagno per abbassare il pH del terriccio.

Potrebbe interessarti: A cosa serve il concime per acidofile e quale scegliere

Al contrario, per le piante che preferiscono condizioni alcaline, come la lavanda o il rosmarino, possiamo aggiungere calcare dolomitico per aumentare il pH.

Il tipo di pianta determinerà anche la dimensione delle particelle del terriccio di cui abbiamo bisogno. Ad esempio, per le piante con radici delicate, come le impatiens o le fucsie, si consiglia un substrato con particelle di piccole dimensioni, in modo che le radici non debbano fare un grande sforzo per penetrare nel terreno e possano diffondersi facilmente.

Al contrario, per le piante più grandi, come l’ibisco, si consiglia un substrato più grossolano in modo che le radici abbiano più spazio per svilupparsi

Tipologie di terriccio: caratteristiche principali

La tabella seguente mostra i principali tipi di terriccio disponibili sul mercato e le loro caratteristiche specifiche:

  • Terriccio universale – È un tipo di terriccio adatto alla coltivazione di un’ampia varietà di piante. È un substrato leggero e arioso, con un buon drenaggio e aerazione. Inoltre, ha un pH bilanciato e contiene tutti i nutrienti necessari allo sviluppo delle piante.
  • Terriccio specifico – Questo tipo di terriccio è formulato per le esigenze di piante specifiche, come cactus, piante grasse, ecc. È importante scegliere un terriccio che soddisfi le esigenze specifiche delle piante che vogliamo coltivare.
  • Terriccio autoprodotto – Come abbiamo visto, è possibile preparare il proprio terriccio in casa mescolando diversi ingredienti. In questo modo possiamo personalizzare il substrato in base alle nostre esigenze e a quelle delle piante che desideriamo. per crescere.

Tipologie di terriccio in commercio

Per molti il terriccio è una di quelle cose che si comprano e non ci si pensa due volte. Tuttavia, sul mercato esiste un’ampia varietà di terricci, ognuno con i propri vantaggi e svantaggi.

I principali tipi di terriccio sono le miscele di base, progettate per essere mescolate con altri elementi come la perlite o la vermiculite; i comodi sacchetti, che contengono tutto il necessario in un’unica confezione; e le miscele pronte all’uso, che sono premiscelate e pronte all’uso.

Ogni tipo di terriccio ha i suoi vantaggi e svantaggi, quindi è importante scegliere quello giusto per le proprie esigenze. Le miscele di base sono solitamente meno costose delle altre opzioni, ma richiedono più lavoro per la preparazione.

Le miscele pronte all’uso sono l’opzione più costosa, ma offrono i migliori risultati con il minimo sforzo. Indipendentemente dal tipo di terriccio scelto, assicuratevi di leggere attentamente le etichette per verificare che sia adatto alle vostre piante.

I principali tipi di terriccio sono rappresentati da:

  • Terra leggera – è ideale per la coltivazione di piante che richiedono un terreno ben areato e ricco di sostanze nutritive, ma presenta alcuni svantaggi. Questo tipo di terreno drena rapidamente e non trattiene bene l’acqua, quindi non è adatto a tutte le piante. Inoltre, il terreno leggero può essere facilmente compattato, rendendo difficile la penetrazione delle radici. Tuttavia, se utilizzato in combinazione con altri tipi di terreno, il terriccio leggero può contribuire a creare un sano equilibrio tra drenaggio e ritenzione idrica. È anche relativamente facile da lavorare e può essere modificato con materia organica per migliorare il suo contenuto di nutrienti.
  • Terra forte – è un tipo di terreno ricco di particelle di argilla. Questo lo rende denso e pesante, il che può renderlo difficile da lavorare. Il terreno argilloso è anche più facile che si attacchi agli attrezzi e che diventi fangoso quando è bagnato. Per questi motivi, il terreno argilloso viene spesso mescolato con altri tipi di terreno, come sabbia o terriccio, per renderlo più leggero e drenante. Sebbene possa essere difficile da lavorare, il terreno argilloso è eccellente nel trattenere l’umidità e le sostanze nutritive. Per questo è ideale per la coltivazione di piante che richiedono molta acqua, come gli ortaggi o i fiori.
  • Terra di sfagno – spesso confuso con il terreno di torba, in realtà si tratta di due sostanze molto diverse. La terra di sfagno è composta da grandi quantità di muschio di sfagno, estremamente leggero e permeabile. Questo lo rende ideale per la coltivazione di piante che hanno bisogno di molta umidità, come felci, rododendri, azalee e orchidee. L’elevata quantità di materia organica presente nel terreno di sfagno lo rende inoltre molto ricco di sostanze nutritive, che aiutano queste piante a prosperare.
  • Torba – La torba è un tipo di terreno composto da materia vegetale decomposta. È di colore scuro e ha una consistenza spugnosa. La torba si trova nelle zone umide e nelle paludi e si forma nel corso di migliaia di anni, quando strati di detriti vegetali si accumulano e si decompongono. Sebbene la torba sia molto ricca di sostanze nutritive, non viene spesso utilizzata nella sua forma pura per il giardinaggio. Viene invece aggiunta ad altri tipi di terreno per migliorare il drenaggio e l’aerazione. La torba è anche acida, quindi spesso viene addizionata di carbonato di calcio per renderla più neutra. Nonostante le sue difficoltà, la torba può essere una buona scelta per la coltivazione di alcune piante, come azalee, rododendri, felci e piante da appartamento.
  • Terra di bosco si crea dalla decomposizione di foglie, rami e altri detriti vegetali che si accumulano sul suolo della foresta. Questo tipo di terreno è particolarmente ricco di materia organica e quindi ideale per la coltivazione di felci, ciclamini e altre piante di sottobosco. Oltre a essere estremamente fertile, il terreno del bosco aiuta a regolare i livelli di umidità e a prevenire la crescita delle erbe infestanti. Di conseguenza, è una parte essenziale di qualsiasi ecosistema forestale sano. 
  • Terra Calcarea – è molto ricco di carbonato di calcio, il che lo rende alcalino e inadatto a molte piante. Tuttavia, questo terreno è perfetto per la floricoltura, in quanto fornisce alle piante tutti i nutrienti di cui hanno bisogno per crescere. Per curare correttamente le piante in questo tipo di terreno è necessario personale esperto, in quanto richiedono un’attenzione particolare. Il terriccio calcareo viene spesso utilizzato nelle serre e in altri ambienti controllati, poiché all’esterno può essere difficile mantenere il livello di pH corretto. Questo terriccio è estremamente versatile e può essere utilizzato per la coltivazione di un’ampia varietà di piante, purché siano curate in modo adeguato.

Conclusioni

Ora che conoscete i principali tipi di terriccio, potete scegliere quello più adatto alle vostre esigenze. Ricordate di tenere conto del tipo di piante che volete coltivare e delle loro esigenze specifiche per fare la scelta migliore.

Quando si tratta di riscaldare casa sono molti i dispositivi in commercio che possono ...

Leggi l'articolo

Come ogni amante del giardinaggio sa, i parassiti e le malattie possono rapidamente decimare ...

Leggi l'articolo