Stufe per riscaldamento: le migliori per la casa

Quando si tratta di riscaldare casa sono molti i dispositivi in commercio che possono essere acquistati con particolare convenienza.

Tuttavia, tra stufe a bioetanolo e a pellet, a legna ed elettriche, le differenze tra le diverse tipologie di elettrodomestico sono davvero numerose.

Proprio per questo motivo nelle prossime righe abbiamo cercato di compiere qualche utile chiarimento a beneficio di tutti coloro i quali si stiano avvicinando all’acquisto di una nuova stufa per riscaldamento.

Stufa a legna

La stufa a legna è una delle tradizionali modalità di riscaldamento, evoluzione del vecchio caminetto con cui una volta si scaldavano le stanze. Quelle moderne sono naturalmente molto più efficienti e sicure, essendo dotate di una valvola di ingresso per l’aria, in maniera tale da far bruciare la fiamma in modo controllato e regolarne la combustione, modificandola a seconda dei valori impostati.

Ciò premesso, il funzionamento delle moderne stufe a legna rimane molto semplice. Troviamo infatti:

–      una camera di combustione chiusa per migliore sicurezza ed efficienza

–      un sistema di ventilazione che serve a regolare l’aria e controllare la combustione

–      una canna fumaria che garantisce il corretto tiraggio dei fumi di combustione.

Di norma per le stufe a legna si prediligono materiali che sono ottimi conduttori termici, come la ghisa e il materiale refrattario. Per quanto invece riguarda i principali vantaggi di questo sistema, ricordiamo:

–      sostenibilità ambientale del combustibile

–      disponibilità e reperibilità della legna

–      prezzo stabile della materia prima

–      facilità d’uso (è sufficiente un carico al giorno per un’autonomia di 24 ore)

–      sicurezza, grazie ai moderni sistemi di controllo

–      versatilità, poiché abbinando la stufa a legna ad una caldaia si può utilizzare questo sistema anche per ottenere acqua calda

–      risparmio in bolletta, soprattutto nel caso in cui si punti sulle termostufe, che permettono di produrre acqua calda sanitaria e per i termosifoni.

È pur vero che, come tutte le tipologie di stufe per riscaldamento della casa che oggi proponiamo, non mancano gli svantaggi. In particolare, la stufa a legna richiede necessariamente un ampio spazio per conservare grandi quantità di legna, divenendo così difficile usufruirne se si vive in un appartamento e non si ha a disposizione un buono spazio.

Inoltre, rispetto ad altre alternative come la stufa a pellet, quella a legna ha un minore potere calorifico e un minore rendimento medio.

Classifica delle 10 stufe a legna più vendute

Stufa a pellet

Come noto, le stufe a pellet sono stufe per la casa che diffondono il calore generato dalla combustione dei pellet, realizzati con legno ridotto in segatura, pressata in piccoli cilindri e distribuita, appunto, per l’utilizzo in apposite stufe. Sia la materia prima che il prodotto finale sono dunque completamente naturali.

Così come le stufe a legna, anche per le stufe a pellet non mancano i vantaggi e gli svantaggi. Cominciamo dai pro:

–      convenienza: le stufe a pellet sono ritenute più convenienti e più economiche da installare rispetto alle tradizionali stufe a legna

–      niente cenere: rispetto alle stufe a legna le stufe a pellet lasciano poca cenere e sono più facili da pulire. Le ceneri possono inoltre ostruire i camini delle stufe a legna, contribuendo ad alimentare qualche pericolo per la sicurezza

–      facilità: le stufe a pellet sono un’ottima scelta per i neofiti dei sistemi di riscaldamento con le stufe, considerato che non c’è legname da ardere

–      controllo: la temperatura può essere facilmente controllata grazie ai termostati efficienti che possono essere utilizzati per controllare il clima ambientale

–      sostenibilità: le stufe a pellet bruciano in modo pulito rispetto alle stufe a legna, riducendo così il loro impatto ambientale.

Come abbiamo anticipato, anche le stufe a pellet sono naturalmente proprie di alcuni svantaggi di cui bisognerebbe tenere considerazione prima di effettuare l’acquisto. Tra i contro rileviamo:

–      costi di manutenzione: gli oneri di manutenzione delle stufe a pellet sono superiori rispetto alle stufe a legna

–      estetica: i veri fuochi a legna sono generalmente più belli da vedere rispetto alle stufe a pellet, che non forniscono la stessa impressione (nonostante comunque i nuovi modelli siano molto gradevoli sotto il profilo del design)

–      rumorosità: le stufe a pellet sono alimentate da un ventilatore meccanico e, dunque, possono essere un po’ rumorose (ma anche in questo caso dipende dal modello – alcuni sono molto più silenziosi di altri).

Classifica delle 10 stufe a pellet più vendute

Stufa a bioetanolo

Le stufe a bioetanolo sono delle stufe che producono caldo mediante la combustione di etanolo, un alcol infiammabile che deriva dalla fermentazione degli amidi e degli zuccheri di mais, patate, canna da zucchero. Proprio per questo motivo il “carburante” della stufa a bioetanolo è considerato pulito e sostenibile.

Il processo di funzionamento della stufa a bioetanolo è molto semplice. Nell’impianto è infatti presente un serbatoio (bruciatore), riempito con etanolo, uno stoppino e un ventilatore che serve a distribuire il calore.

Una volta che il liquido prende fuoco si crea la fiamma e vengono rilasciati i vapori derivanti dalla combustione, che possono essere immessi direttamente nella stanza. La fiamma si può regolare in termini di intensità, così come la durata, che dipende dalla potenza del bruciatore.

Per quanto riguarda i pro e i contro di questi sistemi, possiamo sicuramente citare la praticità: non è infatti necessario dotarsi di un sistema di impianto fisso per poterne beneficiare, né installare delle canne fumarie. Non è inoltre necessario predisporre un sistema di smaltimento, come invece avviene con la legna, considerato che la stufa a bioetanolo non produce fumo. In ogni caso, la maggior parte dei produttori sconsiglia comunque il funzionamento continuo in stanze troppo piccole e senza ricambio d’aria.

In ogni caso, si tratta di una soluzione ecologica, con il bioetanolo che viene prodotto da biomasse di scarto. Inoltre, i recenti modelli di stufe a bioetanolo sono molto gradevoli sotto il profilo estetico, divenendo un complemento d’arredo davvero originale.

Per quanto concerne gli svantaggi, la stufa a bioetanolo richiede alcuni accorgimenti: ricordiamo infatti come l’impianto produca anidride carbonica – sebbene in quantità minime – e che si rende dunque necessario areare le stanze ogni due o tre ore. Il sistema del bioetanolo non si presta inoltre molto bene a riscaldare ambienti troppo estesi, considerato che la forza di diffusione del calore non è paragonabile a quella di un impianto di riscaldamento completo.

Classifica delle 10 stufe a bioetanolo più vendute

Stufe elettriche

Le stufe elettriche sono prodotti molto comuni nel riscaldamento casa: tendenzialmente portatili, il loro funzionamento è garantito dall’alimentazione dell’energia elettrica (per utilizzarle è sufficiente collegare l’apparecchio alla presa di corrente).

Potrebbe interessarti: classifica dei migliori scaldini elettrici per il bagno

Il funzionamento è semplice, l’elettricità alimenta una resistenza che si riscalda e cede una parte dell’energia accumulata sotto forma di calore, contribuendo a generare caldo nell’ambiente circostante.

Evidentemente, prima di scegliere una stufa elettrica è fondamentale valutare con attenzione vantaggi e svantaggi. Tra i pro possiamo annoverare:

–      rapidità e immediatezza del riscaldamento, in grado di garantire un tepore istantaneo

–      prezzo contenuto, con la possibilità di acquistare un prodotto di qualità competitiva a un costo relativamente basso

–      praticità, considerato che la stufa elettrica è leggera e facilmente posizionabile in qualsiasi punto dell’ambiente a seconda delle proprie esigenze

–      silenziosità, senza emettere rumori che potrebbero risultare fastidiosi in caso di attività come lo studio o il lavoro.

Per quanto concerne invece i principali svantaggi, il contro più importante è quello dell’impatto sulla bolletta della luce: anche scegliendo un modello particolarmente competitivo, si verificherà sempre un aumento dei consumi elettrici.

Inoltre, il calore generato dalla stufa elettrica non permane a lungo nell’ambiente riscaldato. Non appena si spegne la stufa, la stanza diventerà rapidamente fredda.

Classifica delle 10 stufe elettriche più vendute

#AnteprimaProdottoVotoPrezzo
1 Imetec Eco Rapid, Stufa Elettrica 2000 W, Tecnologia a Basso Consumo Energetico, Termoconvettore 4 Temperature, Termostato Ambiente, Silenzioso Imetec Eco Rapid, Stufa Elettrica 2000 W, Tecnologia a Basso Consumo Energetico, Termoconvettore 4... Nessuna recensione 66,35 EUR 56,99 EUR
2 De'Longhi HVA 3220 Termoventilatore verticale, Silenzioso, 2 manopole, 2 potenze, protezione antigoccia, termostato, maniglia, protezione antigelo, doppio isolamento, piccole dimensioni, Bianco De'Longhi HVA 3220 Termoventilatore verticale, Silenzioso, 2 manopole, 2 potenze, protezione... Nessuna recensione 27,99 EUR
3 ARDES | AR4B01 Stufa Carbonio Oscillante TIZZO 900W, Stufa Carbonio Basso Consumo, Stufa Elettrica 2 Potenze Ideale per Riscaldare Bagno Casa Ufficio, Stufa Elettrica Al Carbonio Compatta Con Maniglia ARDES | AR4B01 Stufa Carbonio Oscillante TIZZO 900W, Stufa Carbonio Basso Consumo, Stufa Elettrica 2... Nessuna recensione 56,90 EUR
4 De'Longhi HFX25S20 Termoventilatore a Torre, Tecnologia Ceramica, Silenzioso, 2 Livelli di Potenza, Ventilazione Estiva, Timer 24H, Luce, Anti-ribaltamento, Leggero, Bianco/Grigio De'Longhi HFX25S20 Termoventilatore a Torre, Tecnologia Ceramica, Silenzioso, 2 Livelli di Potenza,... 26 Recensioni 119,99 EUR 103,98 EUR
5 iDOO Termoventilatore a basso consumo per uso domestico, ceramica termoventilatore elettrico portatili con telecomando, Riscaldamento rapido da 1500W ambienti spaziosi e uffici, sicuro e silenzioso iDOO Termoventilatore a basso consumo per uso domestico, ceramica termoventilatore elettrico... Nessuna recensione 119,99 EUR 99,99 EUR
6 Imetec Eco Ceramic Diffusion, Stufetta elettrica, Termoventilatore, Corpo Oscillante, Tecnologia Ceramica, Basso Consumo Energetico, 6 Funzioni di Temperatura, Timer, Bianco/Nero Imetec Eco Ceramic Diffusion, Stufetta elettrica, Termoventilatore, Corpo Oscillante, Tecnologia... Nessuna recensione 104,99 EUR 102,27 EUR
7 Imetec Silent Power Protection, Termoventilatore silenzioso, 2100 W, Stufetta Elettrica, Timer spegnimento programmabile, temperatura regolabile, 4 funzioni, termostato ambiente, funzione antigelo Imetec Silent Power Protection, Termoventilatore silenzioso, 2100 W, Stufetta Elettrica, Timer... Nessuna recensione 79,90 EUR 60,99 EUR
8 Klarstein Stufa Elettrica Basso Consumo, Stufa Elettrica 2000W, Termoconvettore Smart con Rotelle, Termosifone Elettrico Portatile, Termoconvettore a Parete con Termostato, Stufetta Elettrica per Casa Klarstein Stufa Elettrica Basso Consumo, Stufa Elettrica 2000W, Termoconvettore Smart con Rotelle,... Nessuna recensione 319,99 EUR 249,99 EUR
9 De'Longhi TRRS1120 Radiatore ad Olio Elettrico, 11 elementi, risparmio energetico, calore a lungo, manopole intuitive, per ambienti fino a 60m³, Silenzioso, 3 livelli di potenza, 2000watt, bianco De'Longhi TRRS1120 Radiatore ad Olio Elettrico, 11 elementi, risparmio energetico, calore a lungo,... Nessuna recensione 152,14 EUR
10 bimar AMA10 Wi-Fi Termoventilatore Ceramica a Colonna, Controllo Vocale Compatibile Alexa e Google Assistant Stufetta Elettrica, Basso Consumo, Stufa Potente con Timer 12h, Riscaldamento Casa bimar AMA10 Wi-Fi Termoventilatore Ceramica a Colonna, Controllo Vocale Compatibile Alexa e Google... Nessuna recensione 129,99 EUR

Il giardinaggio è un hobby gratificante, ma richiede molta cura e attenzione. Uno degli ...

Leggi l'articolo

Come ogni amante del giardinaggio sa, i parassiti e le malattie possono rapidamente decimare ...

Leggi l'articolo